Mediare. A futura memoria

Ai professori che mi si sono messi davanti, ai miei futuri datori di lavoro, ai politici che vorrei mi rappresentassero e a me, semmai dovessi un giorno ricoprire il ruolo di leader di qualcosa, vorrei augurare di saper mediare.

Da leader avrei una serie di competenze di alto livello e un buon bagaglio di esperienze in merito ad una questione. Saprei benissimo come quella cosa potrebbe essere risolta perché l’ho studiata prima del mio interlocutore, perché ci ho dedicato energia e tempo, pazienza e dedizione e ora vedo, oltre a colui che mi stai davanti agli occhi, la soluzione a quella questione. Nella mia testa l’ho costruita questa soluzione, mi è tutto chiaro.

Allora devo mediare.

Ho un duplice compito: custodire e proteggere la mia visione e allo stesso tempo renderla comprensibile agli altri, predisponendomi all’ascolto sincero, accettando di ritoccare le mie convinzioni pur salvaguardando i valori per me imprescindibili.

Serve cura verso il prossimo, ma anche coraggio. Che poi alla fine, come ricorda l’etimologia di coraggio, sono la stessa cosa.

share the wisdom

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Matteo Troìa / 2019