E tutto sta, così, in armonia.

L’ora di muoversi era giunta. Messoci lo zaino in spalla, e assicuratoci di aver la palla e l’asciugamano scendemmo in spiaggia.

La spiaggia si presentava fresca davanti a noi senza alcuna particolare pretesa, contenta di ospitarci e di regalarci un’isola felice su cui stare per qualche ora.

L’aria fresca arriccciava i bordi degli ombrelloni senza dare fastidio ai bagnanti. Poche decine di metri più in la, verso l’orizzonte, il mare, che pazientemente aveva aspettato per tutti i lunghi mesi invernali prima di farsi accogliente, ed ospitare centinaia di coraggiosi nuotatori.

Un aereo attraversa il cielo azzurro e tutto sembra al suo posto.

Le preoccupazioni e gli impegni dell’agenda, lasciati sul fronte del litorale, parevano cessare di avere un senso. Di certo non ci procuravano quell’ansia da prestazione tipica delle nostre giornate. I nostri smartphone ritornano ad essere fotocamere per i nostri occhi, e lettori musicali per le nostre orecchie. I quotidiani noiosi in bianco e nero che straparlano di quello che accade nel nostro Paese e nel mondo, lasciano posto a qualche rivista di gossip che sfogliamo più volentieri, in modo da avere anche noi un argomento su cui spettegolare. E poi l’ozio, quello sempre più difficile da fare bene.

Ozio, “tempo votato al piacere dell’intelletto”. Smettere di fare qualcosa per fare posto ad altro. Filtrare i rumori esterni come pestassimo la sordina del pianoforte, per attenuare l’intensità dei suoni, per – sssh – non fare troppo rumore.

Un’esigenza di svuotarci ci pervade.

E tutto sta, così, in armonia. Quella serenità che ci fa riscoprire capaci di gesti semplici, chiacchiere semplici, sorrisi semplici. Ma essenziali.

share the wisdom

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Matteo Troìa / 2019