Di block notes e camminatori

Mi serviva un block notes!

Nonostante la mia sia una vita tendenzialmente paperless, ogni tanto un block notes mi serve, e questo perché dove lavoro a volte è utile avere un pezzo di carta sotto mano per annotarsi i dettagli di una telefonata, o per fare qualche schizzo di ciò che da lì a poco si vorrebbe provare a realizzare al computer.

Così mi sono attenuto alle regole, rassegnato alla prassi e armato di santa pazienza, avendo ormai superato lo shock ch’ebbi tempo fa quando mi vennero spiegati per la prima volta tutti gli step da fare.

“Buongiorno, sono Matteo e la chiamo dal IV piano di…”
“Buongiorno, mi dica”
“Avrei bisogno di un paio di block notes…”
“Certo, li vuole a righe o a quadretti?”
“Mah, facciamo uno e uno”

“Benissimo, allora compili il Modello A mettendo una x in corrispondenza delle voci che le servono e specificandone la quantità, dopodiché salvi il modulo compilato e lo invii a questo indirizzo mail, lo riceveremo noi, che siamo al magazzino, così cominciamo a preparare il materiale.”

Fin qui tutto nella norma (si fa per dire).

“Bene” — proseguo io — “e il magazzino di cui mi parla è quello in Via…”
“Sì, proprio quello”

Ah beh, è a due minuti dal mio ufficio, penso rimanendo in silenzio qualche istante.

“Bene, allora nel giro di un’oretta, o diciamo in mattinata, può farci avere i due block notes, giusto?”
“Beh, veramente no, io mi occupo di prepararle l’ordine, per farselo recapitare deve chiamare l’Ufficio Collegamenti”.
“L’Ufficio Collegamenti?”
“L’Ufficio Collegamenti!”
“Ok, provvedo”
“Arrivederci”
“Saluti”

“Buongiorno sono Matteo e la chiamo dal IV piano di…”
“Buongiorno, mi dica”
“Mi è stato detto di chiamarvi perché avendo ordinato due block notes al magazzino di fronte al nostro ufficio devo ora rivolgermi a voi per farmeli recapitare”
“Sì, è corretto”
“Bene, riesce a portarmeli a breve?”
“Veramente noi recapitiamo il materiale solo di giovedì”
“Ah, quindi oggi che è mercoledi voi dell’Ufficio Collegamenti non vi spostate?”
“Eh, no”
“Ok, allora domattina posso aspettarmi i block notes?” 
“Sì certo”

Giovedì ore 11:00
Chiamo l’Ufficio Collegamenti. Nessuno risponde.

Giovedì ore 14:00
Chiamo l’Ufficio Collegamenti. Nessuno risponde.

Giovedì ore 17:00
Chiamo l’Ufficio Collegamenti. Nessuno risponde.

Giovedì ore 17:05
Chiamo il magazzino. Rispondono.

“Salve, sono Matteo e la chiamo dal IV piano del…”
“Sì qui il magazzino, mi dica”
“Beh, veramente io starei aspettando i due block notes che…”
“Ah sì, ha chiamato ieri, ricordo. Deve rivolgersi al Collegamenti”
“Eh, sì, solo che l’Ufficio Collegamenti non risponde. Mi potete aiutare voi?”
“Guardi, i block notes son qui, ma devono venire i camminatori a prenderli”
“Scusi…”
“Mi dica…”
“Devono venire… chi?”
“I camminatori”
“I camminatori?”
“Sì, quelli dell’Ufficio Collegamenti”
“Ah sì sì, giusto, quelli dell’Ufficio Collegamenti… e non sono venuti?”
“Mah, che io sappia no”

“Buongiorno, sono Matteo e la chiamo dal IV piano di…”
“Buongiorno”
“Io starei aspettando da 24 ore due block notes che sono pronti nel magazzino di fronte al mio ufficio, e mi era stato detto che me li avreste portati voi e…”
“Eh, guardi, io questa mattina sono stato al magazzino, ho fatto un carico unico e nel carico non mi risultava che ci fossero dei block notes”
“Ah, e quindi?”
“Beh, forse sono stati preparati dopo il mio passaggio”
“Beh, può essere, non lo so”
“Eh, mi sa di sì”
“Ok, ma mi tolga una curiosità, l’Ufficio Collegamenti e i camminatori sono la stessa cosa?”
“Sì certo, siamo noi”
“Ok, e lei non può andare a prenderli anche se è già stato questa mattina? Nel senso, non può tornare al magazzino?”
“Guardi, ora no, posso portarglieli venerdì mattina, domani, le va bene?”
“Beh, veramente io ne ho fatto richiesta ieri, che era mercoledì, e speravo mi arrivassero in un paio d’ore massimo, lei me li doveva avere già portati e ora mi sta dicendo che me li porta venerdì, che è domani”
“Eh lo so, ma se è proprio urgente provo a fare qualcosa”
“Guardi, se è così cortese da fare questo qualcosa lo faccia, e io gliene sarei enormemente grato, altrimenti se le crea un impiccio posso andarci io, alla fine bastano due minuti e mezzo di camminata”
“No no, lei non può andare al magazzino, deve andarci l’ufficio competente, ci vado io dai, prima possibile glieli porto”
“Ottimo, lei è molto gentile, grazie, la aspetto”
“Bene, saluti”
“Arrivederci”

È venerdì sera, e dei block notes non c’è traccia.

Per un pò di tempo non tornerò in ufficio, in quell’ufficio dove forse, prima o poi, camminatori permettendo, mi verranno recapitati un paio di block notes, uno a righe ed uno a quadretti, recuperabili solo il giovedì e solo ed esclusivamente dall’ufficio competente.

share the wisdom

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Matteo Troìa / 2019