Come tutelarsi nell’era dei social network: una guida per tutti

Di privacy online, almeno in Italia, se ne parla sempre troppo poco. Probabilmente abbiamo una scarsa abitudine a chiederci che fine farà una nostra foto che postiamo su Facebook, o un nostro semplice commento, un nostro like e così via. Di fatto, la diffusione enorme della rete internet, fa sì che oggi non vi è più distinzione tra vita reale e vita digitale, soprattutto dal punto di vista dei diritti e doveri che ogni individuo possiede una volta online. Rispetto a queste questioni vi segnalo la guida che insegna come tutelarsi nell’era dei social network, realizzata dal Garante della Privacy sulla base di un precedente lavoro del 2009, che è stato rivisto ed aggiornato, pur mantenendo inalterato il layout. Per curiosità ho messo al lavoro Google Trend dandogli in pasto le parole “privacy online”. Di seguito l’andamento nel tempo.

Per quanto grezzi, i risultati sono interessanti. Questo è il grafico che mostra quello che Google chiama “l’interesse nel tempo“, ovvero la frequenza con qui “privacy online” è stata cercata sul web. Di seguito l’andamento nel tempo.

Anche il grafico qui sotto è significativo. Mostra il nostro Paese in fondo alla classifica, segno che non siamo abituati a capire quali sono le conseguenze del nostro agire in Rete.

Vi lascio di seguito il link alla guida del Garante della Privacy, una guida scritta in maniera accessibile a tutti. Consiglio ai genitori di leggerla assieme ai loro figli ed ai ragazzi di sfogliarla, per vedere quante cose già sapevano e quante invece ignoravano.

SOCIAL PRIVACY
COME TUTELARSI NELL’ERA DEI SOCIAL NETWORK

share the wisdom

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Matteo Troìa / 2019